Nov 27

Violenza sulle donne, grande successo ai due eventi di sabato 25 novembre

Grande partecipazione sabato 25 novembre, in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, ai due eventi svolti dinanzi al “Muro delle Bambole” a Roma, in Via degli Acquasparta, simbolo della denuncia contro il femminicidio.
Alle 12.00 testimonial d’eccezione dell’evento è stato Antonello Venditti, il celebre cantautore romano che come nessuno ha saputo raccontare nelle sue canzoni le storie delle donne.
Durante l’evento all’interno del Teatro di Tor di Nona, diretto da Renato Giordano, sono stati presentati, grazie al Direttore generale di BIC Lazio Laura Tassinari, i progetti e le soluzioni per il contrasto a tutti i tipi di violenza sulle donne.
Davanti al “Muro delle Bambole” invece, sono state esposte le bambole vincitrici del contest realizzate da Bic Lazio e dallo sportello Donna Forza 8.
“Il BIC Lazio ha presentato progetti su ‘empowerment femminile’ da realizzare a breve che serviranno per accrescere l’autostima delle donne per essere sempre meno succubi degli uomini. Inoltre, l’artista MauPal ha realizzato un’opera che andrà all’asta ed il ricavato andrà alla casa della mamma di Roma. Per me è una grande soddisfazione vedere che il “Muro delle Bambole” diventa sempre di più un simbolo della lotta contro la violenza sulle donne e, mentre le altre importanti iniziative saranno dimenticate dopo pochi giorni, questo muro rimarrà un simbolo permanente nella città di Roma.” Così in una nota Michele Baldi, Capogruppo della Lista civica Nicola Zingaretti al Consiglio regionale del Lazio.

Nel pomeriggio alle 18.00, invece, si è svolto un flash mob sempre davanti al “Muro delle Bambole” in contemporanea con i Muri delle Bambole di tante altre città italiane. Testimonial dell’evento è stata Erika Bello, campionessa di Canottaggio Italiana ed europea, oltre che Olimpica.

 

Il Muro delle Bambole, in Via degli Acquasparta a Roma.

 

Michele Baldi con l’opera di MauPaul.

 

Michele Baldi con Erika Bello.

 

Il flash mob delle 18.00