Dic 19

Lettera agli amici – Chiarimenti

Cari Amici,

rieccomi qui con la mia faccia e la mia storia di sempre. Perché in tutta questa vergognosa e criminale vicenda che, ancora una volta, violenta la nostra Roma quello che conta sono i fatti. E i fatti sono che metà delle persone che sono finite in galera io le ho combattute da sempre.

Vi riporto la nota integrale di quanto inviato ad un giornale che nemmeno nomino che su mezza telefonata si è voluto “divertire”:

Quando nel 2008 sono uscito dal PDL, il centrodestra andava alla grande e, come possono raccontare testimoni attendibili, mi era stato proposto il ruolo di assessore al turismo nonché vicesindaco di Roma, incarico poi andato a Mauro Cutrufo. Dal 1997 al 2008, come consigliere comunale di Roma, in solitario, ma molto in solitario, ho combattuto contro Cerroni e la discarica di Malagrotta, Caltagirone, Panzironi e parentopoli, Mancini e scandalo Luneur, contro le vicende dell’appaltone Atac, del piano regolatore, dei Mondiali di Nuoto e contro tante altri illeciti così come ampiamente documentato. Sono uscito dal PDL, e quindi da tutti i partiti, quando rivestivo l’incarico di capogruppo in consiglio comunale, con motivazioni forti che sono ben riportate in uno dei pochi articoli e in una delle poche interviste che mi furono fatte in quel periodo (che può trovare qui http://www.abitarearoma.net/michele-baldi-ecco-perche-sono-uscito-dai-partiti/ ), che mi farebbe piacere lei leggesse. A quel punto sono rimasto 5 anni a casa! E malgrado offerte da vari partiti, non ho accettato né chiesto poltrone che, ripeto, mi venivano offerte da tutti gli schieramenti. In compenso col mio piccolo Movimento per Roma, sono stato l’unico ad avere il coraggio di andare a Montecitorio a contestare il pranzo della vergogna tra Alemanno e Bossi subendo anche la carica dei leghisti e del Popolo di Roma di Alemanno. Dopo 5 anni, attraverso un gruppo di amici della società civile come Andrea Mondello e Lorenzo Tagliavanti, mi sono rimesso in discussione in una Lista Civica con Nicola Zingaretti, persona che ritengo capace e onesta. E dopo essere stato eletto sono serenamente nella Lista Civica Zingaretti avendo giurato, e così sarà, di non rientrare in nessun partito compreso il PD.

Per quanto mi riguarda l’unica risposta che può dare una persona come me è continuare a lavorare come ho sempre fatto e con la stessa passione.

A tutti gli auguri più sinceri e affettuosi di Buon Natale e di un anno migliore di questo.

Un caro saluto.

Michele